Riposarsi sulle parole

nel giardino della collezione Peggy Guggenheim a Venezia

Alte siepi di arbusti sempreverdi e morbidi cuscini di erbacee perenni disposte con ordine avvolgono i giardini della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia.

peggy_01peggy_02peggy_04

Jean Arp, Anthony Caro, Eduardo Chillida, Pericle Fazzini, Barry Flanagan, Alberto Giacometti, Rosalda Gilardi, Barbara Hepworth, Jenny Holzer, Anish Kapoor, Ellsworth Kelly, Fritz Koenig, Sol LeWitt, Marino Marini, Mario Merz, Luciano Minguzzi, Mirko, Henry Moore, Maurizio Nannucci, Isamu Noguchi , Yoko Ono, Mimmo Paladino, Germaine Richier, David Smith, Takis sono gli artisti che con le loro sculture ed installazioni popolano in modo discreto piccoli giardini meditativi,  collegati da una pavimentazione in pietra  naturale che, come un macro tessuto dai motivi geometrici, unisce e allo stesso tempo definisce gli spazi e i passaggi.

peggy_05

Per fermarsi a riposare un istante l’artista Jenny Holzer ha concepito una panca lineare in pietra d’Istria sulla quale ci si potrebbe perdere un po’ di tempo lasciandosi ispirare dalle sue parole incise sulla seduta.

peggy_bench 01peggy_bench 02peggy_bench 03

PEGGY GUGGENHEIM COLLECTION, Venezia IT

Photocredit © VERDEarchitettura