La nostra “comfort zone” di fine inverno

5 dettagli per arredare la casa in modo caldo, confortevole e con un tocco decisamente “Greenery”.va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-green-style_00a_copertina
Sul finire della stagione invernale fuori fa ancora freddo, le giornate sono corte e con poca luce. Di uscire in giardino o in terrazzo non se ne parla proprio. Ecco come organizzare all’interno uno spazio accogliente in cui scaldare l’animo sognando già la primavera che arriverà presto.
1| LUCE CALDA E SOFFUSA.va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-green-style_lighting 01

Ce ne siamo innamorate a ottobre, quando abbiamo messo in scena ad Orticolario l’allestimento per la rivista DoveViaggi. Sono le lampade a bulbo con illuminazione a filamenti. Perfette per creare quell’atmosfera dolce e riposante che riporta la mente ad un epoca lontana. Queste ampolle a incandescenza giocano sulla forma sferica del bulbo, se lo si sceglie con vetro colorato o fumè ancora meglio, e sul disegno del filamento. Si ispirano ad un ambiente classico, semplice e rigoroso in cui è proprio l’intensità della luce calda l’elemento protagonista. Si integrano perfettamente in uno stile contemporaneo e funzionano molto bene nel vintage industriale. Non solo per la casa, ma anche in un ambiente lavorativo o per creare quell’atmosfera senza tempo in locali, ristoranti o negozi. Lo avrete capito.. noi le adoriamo!!! Attenzione a progettare l’impianto di illuminazione con tutti i dettagli giusti. Il filo in seta è da coordinare tra diversi colori e texture di tessuto, liscio a treccia o con righe verticali. Il cilindro porta lampada e di sospensione al soffitto può essere in ottone brunito, spazzolato o classico, oppure in acciaio inox naturale o verniciato.  La quantità dei corpi illuminanti, il gioco regolare o casuale della lunghezza e la posizione delle lampade sono dettagli da progettare con cura. va_b_end-of-winter-confort-zone-home-style_lighting_03
va_b_end-of-winter-confort-zone-home-style_lighting_02va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_lighting 05L’effetto finale vi assicuriamo è strepitoso. Dopo aver acceso una lampadina a bulbo con filamenti l’illuminazione del vostro ambiente preferito, che sia la cucina, il soggiorno, la vostra camera o lo studio, non sarà più come prima.

2| LEGNO GREZZO DI RECUPERO CON LAVORAZIONI ARTIGIANALI.va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_wooden-table_01
Il calore che trasmette alla vista e al tatto un piano in legno lo conosciamo tutti ed è impagabile. Se poi si tratta di legno massello grezzo, recuperato in vecchi depositi che sembrano abbandonati dove ogni tavola ha una dimensione, un’essenza e una storia unica, allora il fascino aumenta ancora di più. Rovere, mogano, cedro, wengè sono essenze che cinquant’anni fa erano molto pregiate ma che oggi sono quasi introvabili e fuori mercato. Ispirati proprio dal fascino dei singoli pezzi grezzi, abbiamo scelto e recuperato vecchie tavole. va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_wooden-table_03

Dopo una lunga ed accurata lavorazione li abbiamo trasformati in tavoli di diverse dimensioni aggiungendo dettagli in resina trasparente applicata direttamente sul piano o soltanto sui bordi laterali. Il risultato finale rende ogni tavolo un pezzo unico e protagonista assoluto dello spazio per cui è stato pensato.

3| TESSUTI NATURALI E COLORI NEUTRI PER LA BIANCHERIA DELLA CASA. va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_cucina_
Perdersi in un dolce relax in cucina, in camera da letto e anche in bagno aiuta a stare bene con se stessi e a rigenerarsi. La semplicità del cotone grezzo e del lino per noi è una certezza. Ci riporta alla natura permettendoci di concentrare i nostri pensieri su quello che più amiamo. Ecco alcune ispirazioni che ci sono piaciute visitando le manifestazioni di gennaio 2017 Maison&Objet a Parigi e Homi a Milano. va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_camera-letto_va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_bagno_

Ci siamo fermati e rilassati in queste atmosfere semplici e da sogno, osservandone i dettagli e prendendo ispirazioni per il nostro vivere quotidiano.

4| DECORAZIONI IN STILE TROPICALE. va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_tessuti-jungle_01

Lo stile “Greenery” ci piace molto, da sempre. Anche all’interno della casa è possibile portare  la passione per le piante. Crediamo che sia molto importante circondarsi di stimoli giusti che ci connettono con la natura, specie nei mesi di fine inverno quando il tempo non ci permette ancora di vivere all’aria aperta. Ed è proprio in questo periodo un po’ buio e grigio che la mente ha bisogno di ispirarsi e di progettare attività e lavori nuovi da fare in giardino o in terrazzo. A metà gennaio siamo andati a Parigi durante la manifestazione Paris Dèco Off alla ricerca dei migliori tra i tessuti ricamati al mondo in tema floreale. Nel quartiere Saint-Germain-des-Près intorno alla deliziosa piazzetta di Rue de Furstemberg siamo entrati a curiosare in antichi atelier di tessuti per arredamento. Ecco cosa abbiamo trovato… va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_tessuti-jungle_02Ovviamente non volevamo più uscire da questo mondo magico e onirico in cui abbiamo visto intere foreste tropicali, erbari riprodotti fedelmente o rivisitati con ispirazioni da fiaba, ma rigorosamente tutti realizzati su preziosissimi tessuti  pronti per diventare rivestimenti di divani, tende o cuscini per la casa.

5| PIANTE DA INTERNI DAPPERTUTTO. va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_piante-verdi_01

E’ sempre più facile trovare in garden o vivai con vendita al pubblico bellissime piante tropicali da coltivare in casa. Non stiamo parlando di esemplari imponenti che potrebbero essere protagonisti di antiche serre inglesi in stile vittoriano, ma di qualcosa di più semplice e contemporaneo. Se non si ha molto spazio a disposizone e soprattutto se manca il tempo, il nostro consiglio è quello di cominciare con piccole piantine di differenti specie. va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_piante-verdi_02va_b_end-of-winter-comfort-zone-home-style_piante-verdi_03Monstera, Calathea, Ficus elastica, Schefflera, Felci, Begonie rizomatose, Philodendron, Areca… sono nomi che non dicono molto in questo momento, ma pian piano cominciando da una piccola pianta e da un singolo vaso si può avviare una personale collezione di piante tropicali. Basta essere pronti a rivoluzionare un angolo del proprio tavolo, un ripiano di una libreria o un piccolo tavolino della zona living in una bellissima oasi di piante verdi. Seguiteci e vi daremo consigli su come realizzare una piccola giungla di piante tropicali a casa vostra.

Photo © VERDEarchitettura

 

leggerezza | TISANA DRENANTE

Con l’arrivo dell’inverno le giornate si accorciano, si fa meno attività fisica e capita di sentirsi stanchi e pesanti. Per aiutarvi a star bene e riappropriarvi di quella ‘Leggerezza’ perduta ecco la nostra ricetta tutta naturale. Una buona tisana con un mix di erbe naturali pensato per favorire la ripresa del fisico. Vi sarà d’aiuto anche per prepararvi meglio alla maratona di pranzi e cene tipica delle feste natalizie, in modo che possiate concedervi una fetta di panettone in più.

Va_Tisana Leggerezza 01_x

BETULLA * Betula alba | foglie

Le Betulla è un albero originario dell’Asia che ama i climi freddi e la sua caratteristica inconfondibile è quella di avere una corteccia bianca che si sfalda in lamelle sottili. In erboristeria è utilizzato come un potente diuretico e antinfiammatorio e pertanto è perfetto per aiutare chi soffre di ritenzione idrica, gonfiore alle gambe e cellulite. Il suo potere antinfiammatorio è conferito dalla presenza di salicilati ed è qiundi controindicato per chi soffre di allergia all’Aspirina (acido acetilsalicilico).

CENTELLA ASIATICA * Centella asiatica | foglie

E’ una pianta erbacae perenne che ha numerosi principi attivi terapeutici in particolare è molto efficace per curare i disturbi causati da insufficienza venosa o più semplicemente pesantezza delle gambe in quanto la sua assunzione conferisce una maggiore elasticità e tono ai vasi sanguigni.

TE’ VERDE * Camellia sinensis | foglie

Alimento di grande successo in questi ultimi anni per le sue ottime virtù antiossidanti che lo rendono un valido supporto per aiutare l’organismo a contrastare gli effetti negativi dei radicali liberi (responsabili nei processi che causano vari tipi di degenerazione cellulare).  Pochi sanno che il tè verde contiene, in concentrazioni molto piccole, delle sostanze che aumentano il metabolismo favorendo la perdita di peso perché hanno anche un potere diuretico e anoressizzante cioè di soppressione dello stimolo della fame. La bassa concentrazione di queste sostanze limita pertanto l’effetto bruciagrassi, tuttavia la sua assunzione male non fa.

ARANCIO AMARO * Citrus x aurantium | scorze

L’arancio amaro è un albero originario della Cina importato in Europa dagli Arabi nel X secolo. Da non confondere con l’arancio dolce Citrus x sinesis. Possiede una polpa amara motivo per cui è utilizzato raramente come frutto da pasto. L’arancio amaro è molto impiegato nell’industria farmaceutica e alimentare soprattutto per realizzare le ben note marmellate d’arancio amaro. Dell’arancio amaro si utilizzano in erboristeria i fiori, le foglie ma anche la scorza del frutto che contiene un’importante sostanza nota come sinefrina che ha un effetto anoressizzante cioè “blocca fame” e termogenetico cioè “brucia grasso”. La sinefrina è infatti una sostanza che stimola la termogenesi cioè il consumo di energia da parte del nostro organismo, innalzando il nostro metabolismo e avendo un effetto anoressizzante che aiuta nelle diete per il controllo del peso.

Va_tisana Leggerezza_Citrus_03_xVa_tisana Leggerezza_Citrus_04_x

BARDANA * Arctium lappa | radice

E’ una pianta erbacea biennale molto comune in tutta Italia e che si trova facilmente anche nei prati in primavera; la parte utilizzata di questa pianta è la radice, dal sapore molto amaro, raccolta prima della fioritura primaverile e poi fatta essiccare. La radice di bardana utilizzata nelle tisana ha proprietà diuretiche e sudorifere.

SAMBUCO *  Sambucus nigra | fiori e foglie

E’ un arbusto alto circa 4/5 metri molto comune in Italia che nasce spontaneo nei luoghi incolti e che si nota durante la sua fioritura primaverile per la profusione di fiori bianchi che lo fa assomigliare a una enorme nuvola bianca. I fiori si trasformano poi in bacche nere violacee molto belle dall’aspetto lucido e turgido e commestibili da non confondere con quelle del Sambucus ebulus invece velenoso. Se non si è più che esperti in botanica meglio non raccogliere i suoi frutti.  I suoi fiori favoriscono la sudorazione ed è quindi molto indicato per eliminare le tossine dal corpo con un effetto rigenerante e purificante. Ha inoltre un leggero effetto lassativo quindi meglio non esagerare con le proporzioni di Sambuco nelle tisane.

Va_Tisana Leggerezza 02_x

Ricetta per 100 gr di ‘Leggerezza’ TISANA DRENANTE
20 gr BETULLA
20 gr TE’ VERDE
15 gr ARANCIO AMARO
15 gr BARDANA
 20 gr CENTELLA ASIATICA
10 gr SAMBUCO

delizia | TISANA digestiva

Le foglie fresche di salvia, menta e rosmarino le raccogliamo in giardino. Con questi tre ingredienti e l’aggiunta di qualche spezia siamo a buon punto per preparare una tisana che per noi è una vera ‘Delizia‘ soprattutto in questi giorni di inizio anno in cui riprendendo le nostre abitudini abbiamo la necessità di smaltire un po’ di stravizi delle passate e archiviate feste.

delizia_01_xDopo ogni pasto e a fine giornata una buona digestione è d’obbligo. Per questo abbiamo pensato ad una tisana molto efficace ma anche gradevole al gusto, effetto dato dalla presenza di un mix di erbe e di spezie particolarmente buone.

Va_delizia_02_x

Ecco gli ingredienti e un breve cenno alle proprietà della nostra deliziosa tisana digestiva.

FINOCCHIO * Foeniculum vulgare | semi

Pianta perenne che cresce spontanea nelle regioni mediterranee e che si riconosce facilmente nei prati per l’aspetto leggero del suo fogliame di un bellissimo colore verde chiaro in primavera. I frutti secchi del finocchio o “acheni”, impropriamente chiamati semi, sono utilizzati per realizzare tisane dopo pasto dalle spiccate capacità digestive che conferiscono un delicato sapore alla tisana. Se assunte prima dei pasti aiutano la digestione e prevengono le coliche dei lattanti favorendone il sonno.

 SALVIA * Salvia officinalis | foglie

Conosciuta fin dall’antichità come una pianta dalle molteplici proprietà medicinali possiede una spiccata attitudine a favorire la digestione dei cibi grassi in particolare della carne.

ARANCIO AMARO * Citrus x aurantium | scorze

L’arancio amaro è un albero originario della Cina fu importato in Europa dagli Arabi nel X secolo. Da non confondere con l’arancio dolce (Citrus x sinensis) possiede una polpa molto amara utilizzata raramente come frutto da pasto a cui è preferita la varietà dolce, ma è invece molto impiegato nell’industria farmaceutica e alimentare soprattutto per realizzare le ben note marmellate d’arancio amaro.  Dell’arancio amaro si utilizzano in erboristeria i fiori, le foglie ma anche la scorza del frutto che contiene un’importante sostanza nota come sinefrina con effetto anoressizzante cioè “blocca fame “ e termogenetico cioè “brucia grasso”.  La sinefrina è infatti una sostanza che stimola la termogenesi cioè il consumo di energia da parte del nostro organismo quindi, innalzando il nostro metabolismo e avendo un effetto anoressizzante, aiuta nelle diete per il controllo del peso.

MENTA  * Mentha x piperita | foglie

Pianta erbacea perenne molta diffusa e tendenzialmente infestante che cresce in tutta Europa. La parte utilizzata in fitoterapia sono le foglie che possono essere utilizzate sia secche che fresche per realizzare tisane con spiccate proprietà digestive e rinfrescanti.

ANICE STELLATO * Illicium verum | frutto

Bellissimo frutto a forma di stella a otto punte di un arbusto sempreverde originario dell’Asia che ha l’effetto di stimolare la peristalsi e quindi di favorire la digestione.

ROSMARINO * Rosmarinus officinalis | foglie

Come la salvia anche il rosmarino ha molteplici qualità fitoterapiche tra cui sono molto note le proprietà digestive date dal fatto che esercita un’azione spasmolitica sulle vie biliari e sull’intestino tenue. E’ anche un ottimo antiossidante.

 

Va_delizia_03_tisana digestiva

 

Ricetta per 100 gr di ‘DELIZIA‘ tisana digestiva
50 gr SEMI DI FINOCCHIO
20 gr MENTA
10 gr ARANCIO AMARO
10 gr SALVIA
5 gr ANICE STELLATO
5 gr ROSMARINO

 

 

 

 

armonia | TISANA rilassante

Dicembre è sicuramente uno dei mesi più impegnativi, ma anche più emozionanti di tutto l’anno. Noi abbiamo deciso che lo affronteremo con ‘Armonia’. 

xx_foto09_ok

L’inverno sta arrivando e secondo noi è il momento giusto per staccare la spina e riempire le giornate con riposo e relax. Cosa c’è di meglio che affrontare il cambiamento di stagione preparando un infuso con erbe e fiori del nostro giardino. Ecco gli ingredienti che abbiamo selezionato per la ricetta della nostra tisana calmante e antistress.

02_armonia

BIANCOSPINO * Crataegus oxiacantha | foglie e fiori

E’ certamente uno degli arbusti decorativi più conosciuti per la bellezza della sua fioritura bianca e generosa nel periodo primaverile. Pochi sanno che i suoi frutti commestibili in passato venivano usati per realizzare preparazioni alimentari, in particolare marmellate e gelatine. La spinosità dei suoi rami lo rendono un arbusto adatto a creare siepi impenetrabili. In erboristeria le sue foglie e i suoi fiori hanno invece proprietà sedative che lo rendono un aiuto molto efficace per gli stati di ansia in quanto esercita un effetto cardiotonico cioè di regolazione della frequenza cardiaca a cui si aggiunge un effetto di controllo delle aritmie cardiache o delle palpitazioni.

TIGLIO * Tilia cordata | fiori e brattee

I fiori dell’albero di tiglio annunciano la piena primavera con il loro profumo dolcissimo e inconfondibile. I fiori e le foglie hanno un’azione sedativa leggera, contribuiscono a fornire un gusto gradevole alle tisane calmanti e a realizzare tisane leggere e profumate.

ESCOLZIA * Eschscholtia californica | foglie

Detto anche papavero della California è una bellissima erbacea perenne molto rustica originaria degli Stati Uniti in cui cresce nei deserti in modo spontanea. In Europa si adatta molto bene ai climi delle regioni meridionali ed è utilizzata come pianta ornamentale per la particolarità dei suoi fiori di un bellissimo colore arancione. E’ un’erbacea perenne appartenente alla famiglia delle papaveracee con spiccate proprietà sedative sul sistema nervoso centrale e persino analgesiche, efficace contro i dolori da emicrania.

MELISSA * Melissa officinalis | foglie e sommità fiorite

A prima vista la si può confondere con la menta ma basta strofinare leggermente le foglie per accorgersi dell’errore perché la melissa emana un inconfondibile profumo di limone. Ha moltissime proprietà fitoterapiche ma è soprattutto impiegata nel trattamento dell’insonnia e degli stati d’ansia accompagnati da palpitazioni. Da non assumere insieme alla passiflora e all’iperico.

VERBENA * Verbena officinalis | foglie

La verbena è una delle piante, definite galattogoghe, che in medicina popolare trovano applicazione per favorire la lattazione; attualmente però è usata in decotto per le sue blande proprietà toniche, antispasmodiche, febbrifughe ed anti infiammatorie.

PAPAVERO * Papaver rhoeas  | fiori

Pianta erbacea perenne molto bella e facile da riconoscere in primavera nei campi, nei terreni incolti dove non siano stati usati pesticidi o più facilmente lungo i bordi delle strade. Bisogna ricordare infatti che il papavero è una vera e propria erba infestante che colonizza vaste superfici spargendo intorno i suoi minuscoli e numerosissimi semi e spesso la si trova nello stesso habitat in cui cresce spontanea la camomilla. Di questa pianta si usa una punta di cucchiaio di fiore essiccato per realizzare tisane con proprietà calmanti e addirittura sedativa. Risolve anche stati di tosse persistente.

01_armonia

Ricetta per 100 gr di ARMONIA tisana rilassante’
30 gr BIANCOSPINO
30 gr TIGLIO
10 gr ESCOLZIA
20 gr MELISSA
5 gr PAPAVERO
5 gr VERBENA

Ellebori, promesse di primavera

Quest’anno la primavera sembra non arrivare mai. Siamo ancora in inverno, ma con la testa già nella prossima pagina del calendario. In attesa della nuova stagione abbiamo deciso di dedicare qualche minuto ad un grande classico del giardino invernale che allieta con la sua bella fioritura le brevi giornate in cui il nostro giardino lo gustiamo per lo più da una finestra.

foto02

Se durante le calde stagioni dell’anno ci si dimentica quasi della loro esistenza, all’inizio dell’inverno è bene dedicare una giornata per preparare gli ellebori alla fioritura togliendo le foglie vecchie e concimando il terreno dopo aver rimosso le eventuali infestanti. Gli ellebori sono erbacee perenni sempreverdi con grosse foglie coriacee di colore verde scuro spesso tendenti al grigio che fioriscono all’inizio dell’inverno. I fiori sono di grosse dimensioni, durano per molti giorni e ravvivano le bordure all’ombra. I colori dei fiori sono bianco puro per Helleborus niger con  la presenza talvolta di velature al centro di una tinta verde mela. Le varietà di Helleborus orientalis presentano invece petali di colore rosa pallido e sono spesso picchettati da pigmenti di tonalità rosa più intenso fino ad un colore violaceo. elleboro 01foto03

Gli ellebori possono esse utilizzati nei giardini o sui terrazzi in modi diversi. Sono adatti a creare cuscini fioriti al di sotto di un’alberatura e possono anche rafforzare l’ombra al piede di una Clematis. Sono interessanti da mettere a dimora lungo percorsi per poterli vedere nella quotidianità, magari anche nei giorni in cui la loro sorprendente fioritura spunta fuori da un’abbondante nevicata. Il nostro consiglio è di coltivarne in abbondanza e utilizzarli come fiori da taglio così da ispirare composizioni fresche anche nella stagione invernale per la decorazione della casa o per qualche regalo.

Photocredit © VERDEarchitettura