ORTICOLARIO 2014 | VERDEarchitettura progetta lo spazio della rivista DOVE Rcs

Lo studio VERDEarchitettura brandinelli-refaldi architetti paesaggisti progetta e mette in scena a Orticolario 2014 il giardino del magazine DOVE Rcs.

Va_ort14_dove_01

Descrizione del progetto

Abbiamo pensato ad un giardino per rilassarsi, sospesi come in un’oasi circondata da piante provenienti da tutte le parti del mondo. Dentro fioriere metalliche, che viste dall’alto sembrano grandi foglie cadute a terra, si possono ammirare collezioni di piante dai colori, dalle forme e dalle textures evocative che fanno immaginare nuove mete ancora da scoprire. Camminando sopra un ghiaietto in pietra impreziosito da giochi cromatici, diveniamo parte di un mosaico con altre foglie fuori scala. Al centro dello spazio una pergola in legno con arredi essenziali, colorati con tinte dalle tonalità luminose, e sedute informali intrecciate a mano. Come quinte sullo sfondo ecco dei pannelli divisori. Una rivisitazione contemporanea dell’antico paravento, con tessuti stampati con fotografie di paesaggio: il mare, il bosco e le dune del deserto, per riposarsi, immergersi nei profumi e compiere un vero e proprio viaggio olfattivo. Pensando ad un giardino tropicale abbiamo trovato meravigliosi esemplari di piante provenienti da tutto il mondo, eccone alcune che abbiamo selezionato per il giardino di DOVE. Alcune di queste varietà oggi sono molto conosciute e diffuse come piante da interni.. ma voi sapete da dove provengono e quanto hanno viaggiato un tempo prima di arrivare alle nostre latitudini?

PLANT LIST

Alocasia macrorrhiza ASIA TROPICALE | Dypsis lutescens (syn. Areca palm) MADAGASCAR |Ficus rubiginosa (syn. Ficus australis) AUSTRALIA | Howea forsteriana (syn. Kentia palm) OCEANO PACIFICO | Monstera deliciosa GUATEMALA/MESSICO | Tetrastigma voinierianum  (syn Cissus tetrastigma) ASIA/MALESIA/AUSTRALIA | Begonie rizomatose da collezione tra cui Begonia ‘Burle Marx’ SUD AMERICA

Dal 3 al 5 ottobre alla 6a edizione di Orticolario, Villa Erba, Cernobbio (CO),  Ala Lario, stand 4

Altre immagini del giardino di DOVE potete vederle sul nostro sito www.verdearchitettura.it

Per la realizzazione dello stand ringraziamo: Florio Home (fioriere, e strutture) | Bellamoli e Tutor International (pavimento in ghiaietto e alveolare stabilizzante) | Cappellini Giardinieri (piante) | A-man, Ethimo e Moroso (arredi) | Serralunga (illuminazione) | RG di Giorgio Cominardi (giardiniere)

Partner dell’evento: Dr. Vranjes | Perfume Jockey | Pasqualina | Verdevivo

 

FIL ROUGE | le erbacee perenni

Una nuova collezione di Echinacee e Rudbeckie per gli amanti dei colori caldi autunnali

Va_echinacea_01w

In giardino quando è autunno e le giornate diventano più corte tutti i colori delle piante si fondono nei verdi, marroni e grigi. Un buon espediente per ravvivare un momento dell’anno in cui le ore all’aperto sono contate e ricordarsi che là fuori c’è ancora un giardino che può regalare emozioni è mettere a dimora un po’ di erbacee perenni con fioriture di colori accesi. Molto semplici, rustiche e con grande fiore a forma margherita le Echinacee sono una tipologia di erbacee perenni che amiamo particolarmente. Hanno un’ottima resa in bordure assolate di giardini da vivere tutto l’anno. Dopo aver utilizzato in molti progetti di giardini e terrazzi le classiche E. purpurea con petali di colore rosa, violetto etc. abbiamo voluto provare con alcune varietà meno conosciute, ma di cui ci siamo subito innamorate. Per il progetto del giardino FIL ROUGE che abbiamo allestito a Villa Erba eravamo alla ricerca di sfumature di colori sul giallo arancio e rosso e così abbiamo impiegato in grande quantità Echinacea ‘Cheyenne Spirit’. Si tratta di una varietà ibrida di Echinacea che viene riprodotta da seme per cui non c’è stabilità sul colore e la bellezza di questa erbacea perenne è proprio che nascono piante con fiori di colori uno differente dall’altro, ma che se utilizzati in abbondanza formano una palette di colori veramente interessante. I petali sono lunghi e stretti e di vivaci sfumature di arancio, rosso rosa, giallo, viola e crema che circondano la parte centrale del fiore di forma conica e di colore marrone. In inglese il nome comune è  infatti Coneflower.

Va_echinacea_03_w Va_echinacea_04_wVa_echinacea_05_wPer rendere più caldi i colori della bordura abbiamo associato le Echinacee ad alcune varietà di Rudbeckia  con petali di colore giallo zafferano contastati dal centro del fiore di colore bronzo-marrone. Per la fornitura ci siamo rivolti a Zanelli un vivaio specializzato nella produzione di piante perenni un po’ speciali. Siamo andate fare una visita alle loro serre per scegliere personalmente e siamo rimaste molto impressionate dalla bellezza e qualità di tutte le piante che stavano preparando per le fiere autunnali e primaverili.

Va_rudbeckia_fulgida_Goldsturm_03_wVa_rudbeckia__02_Rustic Dwarf_wVa_rudbeckia_Henry_Eliers_01_w

Elenco perenni autunnali per una bordura dai colori solari : Echinacea ‘Cheyenne Spirit’ | Echinacea ‘ Now Cheesier’ | Echinacea purpurea ‘Hot Papaya’ | Rudbeckia fulgida ‘Goldsturm’ | Rudbeckia hirta ‘Rustic Dwarf’ | Rudbeckia subtomentosa ‘Henry Eilers’

Vivaio Zanelli – Montichiari (BS)

[Photocredit © VERDEarchitettura]

 

FIL ROUGE | gli arbusti topiati, la lanterna e le viole

Una passeggiata nel parco di Villa Erba alla scoperta della natura

Va_Fil rouge_01

Si è appena conclusa la quinta edizione della manifestazione Orticolario svoltasi dal 4 al 6 ottobre 2013 nella scenografica cornice di Villa Erba a Cernobbio, sul Lago di Como con un’affluenza di oltre 20.000 visitatori in un fine settimana decisamente autunnale. VERDEarchitettura con Syngenta FloriPro Services e la partecipazione di importanti aziende sponsor nel settore del florovivaismo e dell’arredo per esterni, ha presentato al pubblico di Orticolario un giardino temporaneo di circa 400 mq.

FIL ROUGE

Il nostro giardino temporaneo è stato selezionato dall’organizzatore per il concorso “Giardini creativi nel Parco” insieme ad altri cinque ed è stato costruito a tempo record in meno di quattro giorni. Ecco il nostro racconto di quest’esperienza iniziata nella primavera del 2013, quando abbiamo focalizzato l’idea base del progetto, e conclusa questo autunno con la realizzazione del giardino. Il primo pensiero che abbiamo quando cominciamo ad ipotizzare uno spazio per una mostra è capire chi la visiterà e perchè. Può sembrare scontato, ma per noi è sempre molto importante stabilire un rapporto forte con chi si fermerà anche solo distrattamente in un nostro allestimento. Avendo partecipato per quattro anni come espositori ad Orticolario in diversi stand, sia nel parco che nel padiglione centrale, possiamo dire di avere una certa esperienza sulla manifestazione che riteniamo essere una delle più interessanti in Italia per il settore dell’architettura del paesaggio. Quest’anno siamo stati molto felici di aver potuto allestire un giardino in un luogo così unico e pieno di ispirazioni come il grande prato di fronte alla Villa. Fin da subito abbiamo immaginato un giardino libero, aperto sul parco, con una sorta di passeggiata da fare seguendo un’indicazione tracciata sul terreno o anche in modo più spontaneo.  Abbiamo pensato ad un giardino con interessi e stimoli a più livelli per gli adulti, per i più piccoli, per i più appassionati del mondo del giardino, o anche per chi avesse avuto solo necessità di fermarsi un istante a riposare prima di visitare un altro stand.Va_Fil rouge02

GLI ARBUSTI TOPIATI | Camminare è un’attività semplice che fa bene, è rilassante e si sposa sempre con la nostra idea di giardino. In questo senso abbiamo pensato ad un percorso a forma di spirale  lungo il quale abbiamo disposto otto piccoli giardini a pianta circolare con arbusti sempreverdi e a foglia caduca topiati in forma sferica più o meno libera a seconda dell’essenza botanica. Per ogni giardino abbiamo voluto mettere in mostra una singola varietà di arbusti associata a composizioni di graminacee di media e piccola dimensione, erbacee perenni con fioriture autunnali e cuscini di viole da collezione. Nella scelta degli arbusti che compongono i giardini abbiamo pensato di proporre alternative all’utilizzo del Buxus che sta subendo l’attacco di un parassita di origine asiatica che sta decimando la specie in tutta Europa. L’esperienza e la professionalità nella produzione e nella coltivazione di esemplari di topiarie di Cappellini Giardinieri ci ha guidato verso una selezione di varietà di Phillyrea angustifolia, Osmanthus aquifolium ‘Compacta’, Osmanthus rotundifolia, Osmanthus x burkwoodii (Osmarea e Quercus robur adatte a climi come quello del lago di Como e di esemplari di ulivi e Coprosma lucida per situazioni più mediterranee. Durante i giorni della manifestazione per chi ha visitato il giardino FIL ROUGE è stato possibile scoprire nel dettaglio e toccare con mano tutte le particolarità e l’elenco completo delle specie botaniche presenti nel giardino temporaneo.

Va_Fil rouge03 LA LANTERNA | Al centro del giardino abbiamo inserito come meta finale del percorso a spirale un giardino d’inverno progettato da noi e realizzato da L’Officina dei Giardini. La forma della serra era molto importante e volevamo che fosse evocativa e allo stesso tempo un po’ ludica, per cui abbiamo pensato ad una struttura con pianta ottagonale aperta su quattro lati e ad una forma generale dell’oggetto che ricordasse una lanterna fuori scala perfettamente illuminata nelle ore serali e notturne. Poi abbiamo verniciato tutto in sgargiante colore rosso fiamma.

Va_Fil rouge04 okLE VIOLE | All’interno della serra abbiamo presentato la nuova collezione di viole Deltini™ di Syngenta FloriPro Services. Le piccole varietà di Viola cornuta con petali in sfumature di colori bianco puro, giallo miele, rosso porpora e violetto sono state disposte in modo scenografico su supporti di differente altezza per essere osservate da vicino sia dagli adulti che dai più piccoli. Nel corso della manifestazione le viole in miniatura sono state omaggiate ai visitatori che hanno partecipato sfidando il tempo decisamente autunnale. Nella parte alta del giardino d’inverno abbiamo appeso tessuti decorativi ispirati all’autunno fatti realizzare da artigiani tessitori svedesi su design di VERDEarchitettura con materiali tutti naturali. Il tessuto è costituito da un filato di carta riciclata e le decorazioni sono frutti e bacche autunnali.

 Cappellini Giardinieri  | L’Officina dei Giardini | Syngenta FloriPro Services [Photocredit © VERDEarchitettura]

Nei prossimi post continueremo raccontandovi altri dettagli..