PAESAGGIO ALPINO

Dopo i fiori, i semi

Va_10-14_01

In alta montagna regnano le conifere e in autunno le sfumature delle chiome hanno colori accesi e forti con tonalità che passano dal giallo dei larici al verde scuro degli abeti. Passeggiando per un sentiero i colori degli alberi contrastano con l’azzurro intenso del cielo. Il bosco rispetto alla stagione estiva diventa più trasparente ed è popolato da graminacee spontanee con piumini sfumati tra il rosa e il giallo, dagli steli secchi, colmi di semi di tutti i tipi, ultimo segnale delle piante erbacee perenni che stanno per concludere il loro ciclo vegetativo. Ci sono poi i piccoli arbusti sempreverdi abbarbicati alle rocce, come i profumati ginepri, i rododendri e i cotoneaster ricolmi di bacche rosse.

Va_10-14_02Va_10-14_03Raccogliendo qualche ramo è possibile portare a casa il materiale per una semplice e profumata composizione autunnale di alta montagna. Saremo un po’ fuori moda, ma ci piace l’idea che sia essenziale, senza fiori, nè baccheVa_10-14_05; solo Va_10-14_08aghi di pino, piccole pigne, steli secchi, piumini e semi.

Il contenitore che abbiamo scelto è un vaso cilindrico piuttosto alto in vetro trasparente. Già in tutto questo c’è racchiuso un mondo affascinante che, dopo un weekend in montagna a diretto contatto con la natura, possiamo osservare ancora per un po’ nelle nostre abitazioni urbane.

* Larix decidua | * Plantago lanceolata | * Calamagrostis varia | * Angelica sylvestris | * Epilobium angustifolium | Leontopodioum alpinum

Come sappiamo tutti la Stella alpina è una pianta protetta che non è possibile cogliere in natura, tutelata da precise leggi regionali. Qui la vedete poiché ci è stata donata dal gentilissimo proprietario del Rifugio Zoia a Campo Moro in Valmalenco (SO). Dietro il rifugio ne coltiva con costanza e passione qualche esemplare e, nonostante gli avessimo detto che erano belle così solo da guardare, ci ha voluto omaggiare di questo raro e prezoso fiore. Ora le abbiamo nel nostro studio in acqua, ma presto le essiccheremo in ricordo della bellissima giornata trascorsa in alta montagna.

[foto & styling © VERDEarchitettura]Va_10-14_04